INGEGNERIZZAZIONE DELL'ARCHITETTURA TECNICA E GESTIONE DELLE COMPLESSITÀ DI PROGETTO

Menu

Portfolio

Portfolio Residenziale

Residenziale > Inserimento di ascensore esterno in villa a Gressoney

Inserimento di ascensore esterno in villa a Gressoney

Ascensore esterno per abbattimento barriere architettoniche in palazzina plurifamiliare a Gressoney

 

Progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva completa (opere edili, strutturali ed impianti), direzione dei lavori generale e specialistica coordinamento sicurezza per l'abbatimento delle barriere architettoniche e la realizzazione di un ascensore esterno per una palazzina di 4 piani fuori terra in località Tache (Gressoney-La-Trinité, AO)

 

Importo dei lavori: € 60.000,00

 

La palazzina oggetto di intervento si trova nell'estremità meridionale del territorio comunale di Gressoney-La-Trinitè (AO), precisamente in località Tache, in una zona periurbana e pianeggiante con lieve declivio verso Sud, lungo la statale che costeggia il fiume Lys, al civico n.2 di strada Edelboden Inf., dalla quale si accede all'edificio.

 

Il sito di progetto corrisponde a un cortile asfaltato di c.ca 54 mq chiuso a Nord dal retro di due locali a uso garage e a Est da un'abitazione a due piani fuori terra con rispettiva autorimessa.

 

L'edificio oggetto di intervento consta di tre piani fuori terra a pianta rettangolare di 14x10 m e altezza c.ca 12 m, con ingresso entrambi sulla facciata occidentale (lato SR43) e orientale (semi-rialzato da piano cortile), di cui il pianterreno è adibito ad attività commerciale e l'ultimo è mansardato.

 

L'intervento di realizzazione dell'ascensore si configura come un ampliamento dei volumi del fabbricato esistente in misura inferiore al 20% ed è ammissibile applicando la LR della Valle d'Aosta n. 24/2009

 

Il progetto ha contemplato la realizzazione di un ascensore esterno per l'abbattimento di barriere architettoniche a uso dei proprietari, addossato alla facciata orientale dello stabile-lato cortile, a cui ne sottrae una superficie prossima a 6 mq. L'opera consta di locale ascensore più bussola di ingresso, sviluppato a parallelepipedo.

 

L'intervento ha riguardato l'inserimento di un vano in calcestruzzo armato svincolato dall'edificio attuale con giunto strutturale di circa 5 cm. La fondazione è stata realizzata con platea in c.a. di 60 cm su getto di magrone di 20 cm. La colonna e l'avancorpo dell’ascensore sono stati costruiti con setti da 20 cm di spessore.

 

Le demolizioni hanno riguardato la scaletta ed pianerottolo di accesso esistenti al piano a quota + 1.55  sul lato  est della  palazzina. Sono stati demoliti  i  sottofinestra  e  allargati  i vani per le porte di piano di luce netta 80x200 cm. E' stata regolarizzata la superficie della parete esistente mediante una controparete in laterizio intonacato.

 

Sia il vano ascensore che l‘avancorpo hanno una soletta di copertura in c.a. di 15 cm. Al di sopra è stato completato, allungandolo, il tetto esistente con struttura in legno e lose che sono gli stessi materiali del tetto attuale. La copertura dell’avancorpo è stata realizzata con lamiera d’acciaio grigia a doppia aggraffatura.

 

Il setto ascensore orientato a sud ha tre vani finestra per dare luce alla scala. I serramenti sono stati eseguiti in legno con vetro camera e posati sul filo interno del vano al di sotto di un finto architrave in legno recuperato dai serramenti rimossi. Sono stati recuperati anche i davanzali in pietra esistenti.

 

L’avancorpo ha un ingresso con portoncino blindato 80x200 cm con in legno. Gli accessi al vano ascensore sono di dimensioni 80x200 cm. Le  pareti  interne  al  vano  ascensore  sono  state realizzate con  finitura faccia  a  vista,  mentre  l’interno dell’avancorpo è stato semplicemente intonacato.

 

Le pareti esterne sono state intonacate con tinteggiatura, con uno zoccolo di h = 150 cm di pietra come la parete esistente.

 

L’ascensore è di tipo oleodinamico, del tipo senza pareti di cabina (ad eccezione di quella verso l’impianto) con centralina dell’impianto posizionata all’interno della palazzina al piano interrato. L'impianto ha l’azionamento ad uomo presente con pulsanti in Braille di selezione del piano e allarme acustico con pulsante di arresto di emergenza.

 

Le porte di piano sono di tipo vetrato per dare luce al vano scala attraverso le finestre sulla parete sud del vano.L’impianto è dotato delle dotazioni di sicurezza standard come il paracadute a presa istantanea e le catene di sollevamento in parallelo o ancora l'apertura delle porte tramite chiave di sicurezza.

 

Disegni
Foto cantiere

Clicca sull'immagine per visualizzarla interamente

IL PROGETTO IN CIFRE

60.000importo complessivo delle opere

1956 anno di realizzazione dell'edificio realizzato secondo lo stile dell'Architettura Alpina

12m di altezza dell'ascensore esterno